Valutiamo l' INVALSI

Salva in formato .docSalva in formato .pdfVersione per la stampa
Condividi

14 maggio 2012

In questi giorni si stanno svolgendo nei vari ordini di scuola le famigerate prove INVALSI, l'istituto deputato dal MIUR alla valutazione degli apprendimenti. A causa di disposizioni confuse e contraddittorie, i pareri sono diversi e discordanti. Molti Collegi Docenti (l'organo deputato per legge a occuparsi della valutazione) vengono bypassati e le prove vengono somministrate in modo autoritario e impositivo. Altri trovano il modo di discuterle, o per approvarle o per rifiutarle. Nell'opinione pubblica serpeggia il sospetto che la classe docente non sia disposta a farsi valutare e a mettere in discussione il proprio operato. Il parere del Ministro Profumo è che il nostro paese abbia bisogno di valutazione e che la carenza di questa cultura ci stia penalizzando nei confronti del resto del mondo. Agli insegnanti dice che solo attraverso una fotografia corretta e trasparente della situazione attuale possono cercare di migliorare la scuola. Cosa possiamo rispondere noi insegnanti evangelici? Come valutiamo l'Invalsi? Non entreremo nel merito degli aspetti tecnici e burocratici, ma faremo una considerazione di ordine generale. La valutazione Invalsi va a misurare le prestazioni degli studenti nelle discipline fondamentali, italiano e matematica (ma già dal prossimo anno si parla di estenderla anche alle restanti discipline). E sulla base dei risultati, confrontati anche con quelli delle scuole europee, stila una “graduatoria” delle scuole. Quando perì si parla di scuola, si sta parlando di un sistema. Un sistema è una realtà complessa e multiforme, composta di numerose parti collegate tra di loro, ciascuna delle quali svolge una funzione nell'insieme e in cui ogni mimino cambiamento si ripercuote con effetto domino sulle altre parti, modificando il funzionamento dell'intero sistema. La scuola, quindi, non è soltanto il luogo in cui gli studenti e gli insegnanti si trovano ogni giorno a svolgere le loro attività, la scuola è anche la sua sede istituzionale (il Ministero) con i suoi organi e i suoi funzionari, consulenti e impiegati, le sue articolazioni regionali con i propri uffici, le sedi provinciali con i loro addetti, i vari istituti scolastici con i loro uffici, gli impiegati, i tecnici e assistenti, e infine anche gli insegnanti con gli studenti. Questa è la “scuola”. Se quindi vogliamo avere una fotografia reale della qualità della scuola, come auspica il Ministro, dobbiamo valutare l'intero sistema, i suoi input (investimenti/ sprechi, professionalità, formazione ecc.), i suoi processi (efficienza/dispersività, efficacia/irrilevanza ecc.), e alla fine anche i suoi prodotti in termini di qualità dell'insegnamento e dell'apprendimento. Il tutto poi, nel confronto internazionale, deve tener conto di innumerevoli fattori contestuali che concorrono a delineare la fisionomia di una scuola in un paese oppure in un altro. Inoltre, una valutazione riguardante i soli aspetti cognitivi e nozionistici che non tenga conto degli aspetti socio-affettivi è molto discutibile, come anche una valutazione che prescinda dalla considerazione del punto di partenza di ogni alunno e dei suoi progressi. Solo se la valutazione sarà sistemica, globale e formativa potrà avere il valore auspicato, altrimenti si ridurrà a un'operazione di facciata, con un ulteriore capitolo di spesa, mentre non sarà di alcun aiuto per migliorare la qualità della scuola.


Comitato Insegnanti Evangelici Italiani

segreteria@insegnantievangelici.it

torna su