matita

LETTERA APERTA AL SINDACO DI MILANO L. MORATTI

Salva in formato .docSalva in formato .pdfVersione per la stampa

Noi cittadini milanesi di fede evangelica

siamo indignati dinanzi al patto sancito in sordina tra la Diocesi e il Comune di Milano che si traduce nell'assunzione di due iniziative irrispettose della laicità dell'istituzione scuola, discutibili e discriminanti sul piano etico e sociale:

  • aver assunto a tempo indeterminato 46 educatrici indicati dalla curia, onde assicurare nelle 175 scuole dell'infanzia l'insegnamento della religione cattolica ai 23mila iscritti. Tutto ciò mentre si tagliano fondi alla scuola e non si immettono a ruolo i suoi tanti docenti precari.
  • aver scritto in sei lingue e fatto circolare nelle scuole, dalle materne alle medie superiori, una lettera in cui, premesso il riconoscimento del pluralismo religioso che caratterizza oramai il nostro Paese, si incoraggia lo studente, comunitario e non, a scegliere di frequentare l'ora di religione cattolica, sostenendo che in tal modo sarà facilitato nella sua integrazione sociale. Ammesso e non concesso la veridicità di un tale nesso, sorprende il candore con il quale si afferma la difficoltà, se non l'impossibilità ad una piena integrazione a prescindere dalla conoscenza e dall'accoglienza della religione cattolica. Si vuole forse dire ancora una volta che non si può non essere cattolici nel nostro Paese? È forse la cattolicità un prerequisito imprescindibile dell'essere e dirsi italiani?

Noi cittadini di fede evangelica denunciamo

questa presenza della chiesa cattolica nelle istituzioni laiche, e ciò non per sostituirci ad essa perché siamo rispettosi e della laicità dello Stato e del principio della sovranità delle sfere, per cui ogni sfera di competenza (famiglia, scuola, lavoro ecc.) deve essere lasciata libera di decidere responsabilmente e senza invadenze, interferenze e sovrapposizioni di una sfera sulle altre.

PERTANTO INVITIAMO IL SINDACO E LA DIOCESI A RECEDERE DA UN TALE PATTO CHE ACCORDA PRIVILEGI INGIUSTIFICATI ED È CONTRARIO AL PRINCIPIO DELLA LAICITÀ DELLO STATO.

a cura dell'Alleanza Evangelica Italiana – Distretto Nord/Ovest
matteoclemente@hotmail.com

torna su